Contenuto principale

Messaggio di avviso

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza.Sono stati settati i cookie necessari per il funzionamento essenziale del sito.Per maggiori informazioni sui cookie che utilizziamo e su come eliminarli, leggi la nostra informativa sulla privacy.

 

L'I.I.S. "L. da Vinci - O. Colecchi" nasce l' 1 settembre 2013 dalla fusione dell'I.P.S.I.A.S.A.R. "Leonardo da Vinci" e dell'I.I.S. "Ottavio Colecchi".

Entrambi gli Istituti possedevano una fulgida storia educativa, sulle cui fondamenta avevano costruito la loro esperienza pluriennale.

colecchi ingresso minL'Istituto d'Istruzione Superiore Statale "Ottavio Colecchi" è nato nel 1999 dalla fusione di tre Istituti storici cittadini che hanno rappresentato per L'Aquila ed il suo ampio territorio un punto di riferimento importante per la formazione culturale e professionale di geometri e di esperti del settore agrario-forestale e commercialeOggi l'Istituto conta 470 studenti e 59 docenti.

L’I.P.S.I.A.S.A.R., nato negli anni 60’ come I.P.S.I.A., era stato un preciso punto di MUSP minriferimento per le aziende elettroniche del territorio e attraverso l’indirizzo di studi odontotecnico ha contribuito al rinnovamento ed all’innalzamento dello standard professionale dei laboratori odontotecnici non solo della provincia dell’Aquila, ma anche di quelle di Teramo, Rieti e Terni.

Nell’anno 2001, all’interno dell’I.P.S.I.A., nasce l’indirizzo alberghiero che in breve tempo diventa il corso di studi più frequentato di tutto l’Istituto.
Nel corso degli anni la sua crescita non è stata solo quantitativa, ma soprattutto qualitativa collezionando riconoscimenti regionali, nazionale ed europei per la qualità della formazione degli allievi. Oggi l’Istituto conta 733 alunni, 108 docenti, 51 ATA (totale con Colecchi) e si articola sui seguenti indirizzi: tecnico dei servizi ristorativi, odontotecnico, tecnico per la manutenzione e l’assistenza tecnica, servizi socio-sanitari

 

 

 

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to Twitter