Contenuto principale

Messaggio di avviso

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza.Sono stati settati i cookie necessari per il funzionamento essenziale del sito.Per maggiori informazioni sui cookie che utilizziamo e su come eliminarli, leggi la nostra informativa sulla privacy.

il centro
L'Aquila 17 Gennaio 2014
Da il quotidiano "Il Centro" del 16/01/14
Internet, ecco le scuole più “social” dellla provincia dell'Aquila
Il sito più accattivante è del “Fermi” di Sulmona, sul podio “Patini-Liberatore” e “da Vinci-Colecchi”

 

Il sito del liceo Fermi di Sulmona è, secondo noi, il migliore in provincia dell'Aquila

L’AQUILA. Nessuno pretende particolari giochi grafici, gif animate o improbabili elaborazioni multimediali. Anzi, di questi tempi, è già tanto che cercando su Google i vari istituti comprensivi delle scuole superiori della provincia a ognuno di questi corrisponda un sito Internet. C’è anche da dire che, per iniziativa dei professori o degli stessi studenti, quasi tutte le scuole hanno una pagina Facebook. Una manciata, invece, i profili Twitter o gli account Youtube attivati. Poco o nulla delle scuole si trova su altri social network.

Il problema è diverso. Pur presentando vari servizi interattivi, i siti web appaiono come bacheche virtuali che dialogano poco con gli utenti. Di questi tempi, infatti, essere in rete non significa avere solo un sito, ma interagire (e dare la possibilità di farlo) attraverso le varie piattaforme social. Avere un profilo non basta: per permettere una condivisione rapida dei contenuti ci si avvale di canali come Facebook e Twitter, oppure Linkedin, il social network dedicato non solo a chi cerca e chi offre lavoro, ma anche a chi vuole orientare la propria carriera di studi e il proprio percorso professionale.

Nella settimana delle scuole aperte, siamo andati a cliccare uno per uno i siti dei vari istituti scolastici. Per dare i voti alle scuole abbiamo usato cinque parametri: la navigabilità del sito, ossia la facilità per ottenere le informazioni; la frequenza di aggiornamento; la presenza di elementi multimediali; i servizi offerti agli utenti (alunni, famiglie e insegnanti); infine il rapporto tra gli istituti e i social network.

Classifica il centro

 

Classifica il centro1

SOCIAL. Partiamo proprio da questo. In gran parte delle scuole l’attività web 2.0 è poco o nulla, ma almeno tre siti scolastici hanno dei rimandi ben precisi a Facebook e Youtube. È il caso dell’istituto «da Vinci-Colecchi» dell’Aquila, il cui sito è uno dei migliori tra i 18 presi in considerazione. Bene anche gli spazi web del «Fermi» di Sulmona e «Patini-Liberatore» di Castel di Sangro.

AGGIORNAMENTO. Non solo, questi tre istituti sono gli unici che hanno inserito nelle pagine i tasti di condivisione sui social, ma sono quelli che vengono aggiornati quotidianamente. Fanalino di coda l’omnicomprensivo di Roccaraso, l’Iis Majorana di Avezzano, e l’Iis Bafile del capoluogo.

NAVIGABILITÀ. Tra i siti più funzionali c’è quello del Vico di Sulmona, con collegamenti interattivi in tutte le sezioni, tra didattica e notiziabilità.

MULTIMEDIA. Fotogallery si trovano da molte parti. I video scarseggiano fatta eccezione per una manciata di istituti. Tra questi c’è il Croce di Avezzano.

Fabio Iuliano

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to Twitter